Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Archivio per il tag “Itri”

Perturbamento (Bernhard) e gatti perturbanti

Bernhard e gatti

“Ho l’impressione che sia naturale che il mondo possa andare a pezzi da un momento all’altro. O è forse la natura che deve distruggere se stessa? – disse. – È un processo che parte sempre dall’interno e si attua all’esterno. Se sono arrivato a questa osservazione, a questa idea, che pur ferisce ogni mio intimo sentire, se sono stato costretto ad arrivarci perché a quanto pare io come organismo sono predisposto soltanto a questo tipo di osservazioni e di idee, non è soltanto il sentimento a dirmi che il momento è giunto (dapprima è solo uno sgretolarsi, crepe, fenditure, uno squarciarsi e uno sgretolarsi!)… È un momento che può durare secoli, naturalmente, secoli ormai alle mie spalle, secoli a venire, naturalmente. Millenni. Quello che mi sgomenta, – disse il principe – non è tanto che i rumori del mio cervello ci siano sempre stati, tutti, che questi rumori ci siano sempre, ci siano sempre stati, ci saranno sempre, mi sgomenta il fatto tremendo che nessuna delle persone con cui sono venuto in contatto, e io, mio caro dottore, sono venuto in contatto con tante di quelle persone, con tanti di quei caratteri che se a Lei capitasse di vederseli davanti tutti assieme, tutti insieme davanti a Lei, avrebbe senz’altro l’impressione della fine del mondo, io ho avuto a disposizione infatti un’enorme quantità di persone fra cui scegliere e ogni giorno in certe ore ho avuto rapporti con tutti i caratteri e con tutti i cervelli possibili e immaginabili, il fatto che mi sgomenta, dicevo, è che nessuno, neanche un solo cervello si sia mai accorto né si accorga mai di questi rumori. Non mi sconvolge tanto che le cose stiano come stanno, ma che sia soltanto io, che sia soltanto il mio cervello a dover registrare quanto ciò sia spaventoso e letale!”
(Thomas Bernhard, “Perturbamento”, ed. Adelphi)

Modelli in foto: gatti di Sant’Angelo, Itri (Lt), Italia, pianeta Terra, Universo.

“Castelli in aria (abbattuti)” – oppure “Ei fu cortometraggio”

1-castello-Itri

Nella schiera dei miei progetti rivelatisi poi vuote velleità, c’è anche una sorta di sceneggiatura per un cortometraggio, che teoricamente io e alcuni amici avremmo dovuto realizzare qualche anno fa, ma che in pratica agonizza in un cassetto della mia stanza. L’umanità, è bene sottolinearlo, non ha sentito né sentirà la mancanza di quest’opera potenziale, che avrebbe potuto infestare i social network o addirittura qualche “Festival del Corto”. Oggi, spinto dal tedio provinciale, mi sono riletto l’elaborato, così da rilevarne, a distanza di tempo, difetti evidenti e pretenziosità. Il titolo che avevo scelto come definitivo, “Castelli in aria”, nel quale avrei voluto condensare l’aleatorietà dei pensieri del protagonista, rappresenta, probabilmente, la parte più riuscita dell’opera. Inoltre, sebbene il titolo stesso non spicchi per brio, si dovrà ammettere che resta preferibile all’originale “La finestra del castello”, da me abbandonato per evidente squallore dello stesso.

Influenzato da non so quali letture dell’epoca, presumo qualcosa che evidenziasse la relatività della conoscenza, mi convinsi di avere in mente un’idea brillante nel corso di una passeggiata lungo la via principale del mio paese, dalla quale è possibile scorgere, in lontananza, il castello medievale che domina dall’alto le strade sulle quali ero e sono solito passeggiare. La prima scena, intitolata “Il viale dell’eterna illusione”, si apre con due amici che camminano mogi e silenti, accompagnati da “Un giorno dopo l’altro” di Luigi Tenco come colonna sonora, scelta non certo rappresentante uno slancio nel mondo dell’ottimismo. L’indicazione per l’eventuale regista del corto è di piazzare la telecamera alle spalle dei due viandanti, in modo da “dare il senso della prospettiva” e inquadrare anche il castello. Continua a leggere…

L’abitudine e Proust sulle strisce pedonali.

È mia abitudine, la mattina prima di andare a lavoro, sedermi una mezz’ora a leggere un libro su una panchina. Un’altra mia abitudine è farlo poco prima del rientro pomeridiano. Scelgo più o meno sempre le stesse panchine, sia perché lì arriva il sole, sia per “la tendenza a ripetere determinati atti, a rinnovare determinate esperienze”, cioè per abitudine (e sto prendendo il vizio di ripeterla, questa parola). Tra le 13.30 e le 14.15, su quel tratto di strada, in Via Civita Farnese*, ormai una sorta di Spoon River priva di cadaveri parlanti, a quell’ora passano degli studenti, con i loro zaini, di ritorno da scuola.

Le mie stupide considerazioni hanno preso il via dall’osservazione di una ragazza con gli auricolari. Dovete sapere (ma se non lo sapete non vi cambia granché) che in quel tratto di strada ci sono 3-4 serie di strisce pedonali dove poter passare da un marciapiede all’altro. Ho notato, per diversi giorni, che quella ragazza attraversa sempre nello stesso punto della strada. Poi mi sono accorto che anche gli altri ripetono il solito e personale percorso, con precisione quasi millimetrica. Devo precisare che la via è rettilinea, dunque attraversare in un punto piuttosto che in un altro serve solo a stabilire su quale marciapiede camminare, non ci sono svolte, non ci sono sorprese dietro gli angoli, non essendoci angoli. Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: