Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Colazione da Tiffany

“Terra ed aria non sarebbero potute essere più diverse di Mildred e di Holly, pure nella mia testa le due ragazze vennero ad assumere l’aspetto di due sorelle siamesi, e il filo del ragionamento era il seguente: la personalità media assume di frequente un aspetto nuovo, ogni anno persino i nostri corpi subiscono un cambiamento completo – desiderabile o meno – ed è naturale che si debba cambiare. Bene, ecco due persone che non sarebbero mai cambiate. Mildred Grossmann e Holly Golightly avevano questo in comune. Non sarebbero mai cambiate perché avevano assunto il loro carattere troppo presto, il che, come le ricchezze improvvise, porta una deficienza di senso delle proporzioni: una era diventata un’incallita realista, l’altra una romantica sfrenata”.

(Truman Capote, “Colazione da Tiffany”)

Per “Colazione da Tiffany” vale il monito, rivolto a me stesso, sul fatto che non bisogna farsi ingannare dai titoli, che potrebbero suggerirci qualcosa di diverso da quel che poi troveremo nel libro. Nel caso specifico, non mi aspettavo certo di trovarvi una descrizione minuziosa della colazione di chicchessia, ma avevo il sospetto che potesse trattarsi di una storia “da salotto” un po’ noiosa. Nulla di tutto ciò.

La protagonista del romanzo è Holly Golightly, una giovane che vive con spensieratezza, leggiadria, spontaneità la propria esistenza e che non esita a contrapporsi alle imperanti e bigotte regole morali di chi la vorrebbe ligia a un certo modo di concepire l’esistenza. Sulle prime Holly appare, allo scrittore che ci narra le sue vicende, una volgare esibizionista, circondata com’è da personaggi “strani” per il comune sentire. Holly riceve uomini a casa sua, incurante del fatto che la cosa possa destare scandalo nel vicinato, propenso a vedere del losco anche laddove non c’è nulla; Holly, nonostante le apparenze, è un’ingenua che cade vittime di un gioco più grande di lei; Holly non ha ancora trovato una patria, un posto dove stare bene, ed è per questo che, agli occhi di chi la vorrebbe inquadrata in certi schemi, non è affidabile.

Non sono certo che una tipa come Holly, nel suo complesso, risulterebbe a me simpatica, ma questo nulla toglie al romanzo, che è divertente, ma non frivolo, e che vi consiglio. So che è stato tratto anche un film dal libro, a quanto pare ben quotato, ma non l’ho visto e mi astengo da ogni considerazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: