Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Quaderni in ottavo

“Se tu camminassi su una pianura, avessi tutta la buona volontà di avanzare e ciò nonostante andassi indietro, allora il tuo caso sarebbe disperato; ma poiché ti arrampichi su per un pendio scosceso, ripido non meno di come appari tu stesso a chi ti guarda di sotto, i tuoi regressi si possono anche attribuire alla conformazione del terreno e perciò non devi disperare”.
(F. Kafka, “Gli otto quaderni in ottavo”)

“Gli otto quaderni in ottavo” sono una raccolta di scritti, prevalentemente risalenti al biennio 1917-1918, che Max Brod, amico di Kafka, ha ricostruito basandosi su alcune indicazioni cronologiche contenute negli stessi.
Il titolo deriva dal supporto cartaceo utilizzato, vale a dire dei quaderni all’epoca in uso agli studenti del ginnasio.
E’ bene dire che questi quaderni si differenziano dai “Diari” di Kafka, anch’essi editi, perché il contenuto dei primi non attiene, non prevalentemente almeno, a episodi specifici della vita dello scrittore praghese.
Si tratta di scritti eterogenei tra loro, bozze di racconti, aforismi e semplici annotazioni, nelle quali Kafka espone convinzioni filosofiche o religiose che nei romanzi raramente esplicita (attenzione, non sto dicendo che siano assenti, tutt’altro, sto dicendo che nei racconti e nei romanzi il tutto si svolge a un livello diverso, simbolico, quasi mai diretto).
Una lettura che ci aiuta nel tentativo di comprendere questo scrittore forse incomprensibile persino a se stesso. Meravigliosamente, drammaticamente incomprensibile.

Pubblicità

Un pensiero su “Quaderni in ottavo

  1. Pingback: Quando il “cane” Kafka mi salvò dal Marchese de Sade. « Tra sottosuolo e sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: