Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

“Della stupidaggine, della viltà, e di altre qualità dell’individuo”

Cime

“Le qualità dell’individuo sociale, scriveva lo Schizofrenico, possono essere suddivise in positive e negative. Esempio delle prime: l’intelligenza. Esempio delle seconde: la stupidaggine. Io desidero attirare l’attenzione sul fatto che le prime non possono essere considerate come un’assenza delle seconde, e le seconde come un’assenza delle prime. L’intelligenza non è una deficienza di stupidaggine, e la stupidaggine non è una deficienza d’intelligenza. Ciò non contraddice il fatto che tali qualità – a cominciare da una certa dimensione – si escludono l’un l’altra. Quando noi usualmente definiamo una persona stupida (intelligente), è intuitivo che ciò significa ch’essa possiede la qualità stupidaggine (intelligenza) in misura sufficientemente grande. Quando diciamo che una persona non è sciocca (non è intelligente), intendiamo dire che non possiede la qualità stupidaggine (intelligenza) in misura sufficientemente grande. Ognuno sa che gli uomini possono progredire, quanto a intelligenza. Ma chissà perché, in genere non si rivolge attenzione al fatto che gli uomini possono progredire anche in stupidaggine. Capita spesso d’incontrare nella vita certi cretini di cui si può dire che sono dei cretini estremamente notevoli. Possiamo qui perfino suddividere i cretini in geniali e insulsi. Si fa apprendistato di stupidaggine altrettanto quanto d’intelligenza. Solo nel corso di una lunga vita e con un costante allenamento gli uomini raggiungono un alto grado di stupidaggine. In modo assolutamente analogo si svolge la cosa con qualità come il cinismo, la viltà, la scaltrezza, l’astuzia, il raggiro, ecc. La capacità di compiere una bassezza non si raggiunge di colpo. E per diventare un insigne mascalzone, bisogna certo esservi predisposti, ma anche allenarsi a lungo e con tenacia. Non è perciò un caso se i più insigni scellerati s’incontrano più sovente tra la gente istruita e attempata. Va aggiunto che in condizioni di oppressione la società non considera difetti le qualità negative. Al contrario, queste vengono considerate delle virtù e incoraggiate con tutti i mezzi disponibili. Da noi sono reputate del tutto normali. Un’insigne intelligenza passa qui per alcunché d’anormale, mentre un’insigne stupidaggine viene presa per un’insigne intelligenza. Uomini di superiore moralità vengono qui considerati degli avventurieri disonesti, mentre delle nullità estremamente abbiette passano per modelli di virtù. La faccenda non sta dunque sic et simpliciter nell’assenza d’una qualche cosa, ma nella presenza di qualche altra. Ne risulta il formarsi di un tipo particolare di personalità negativa, la quale ha con la personalità positiva il medesimo rapporto esistente fra un elettrone e un positrone (o viceversa). Come la presenza d’una carica negativa non è l’assenza di una positiva, e la presenza di una carica positiva non è l’assenza di una negativa, così anche nel caso presente – lo ripeto – il tipo di personalità negativa è una personalità che possiede determinate qualità. Nell’usare le espressioni <<positivo>> e <<negativo>> io non le collego con ciò alle citate qualità di valore. Invertendo le denominazioni, l’essenza della cosa non cambia, come non cambia il rapporto positrone-elettrone invertendo i due termini.

Le qualità negative e positive sono solite essere, fino a un certo grado, talmente simili che a lungo (talvolta mai) la gente non s’accorge della loro differenza. Accade talvolta che due persone vivano e lavorino di continuo l’uno accanto all’altra, che leggano gli stessi libri, incontrino la stessa gente, e così via, eppure evolvano in direzioni assolutamente incompatibili. E quando un giorno scoprono all’improvviso di essere simmetricamente opposti (ad esempio, uno è un insigne imbecille, l’altro un intelletto insigne), ciò crea un dramma spirituale e acuti conflitti. Del resto, individui dalle qualità positive altamente sviluppate si incontrano assai assai di rado. Individui con qualità negative altamente sviluppate se ne incontrano in gran copia. Ma nella schiacciante maggioranza dei casi, qualità positive e negative non raggiungono un livello tale per cui gli individui possono venire nettamente definiti intelligenti, stupidi, vili, generosi, ecc. L’individuo normale possiede – in grado più o meno sviluppato – qualità positive e qualità negative (è mediamente intelligente, mediamente stupido, mediamente generoso, mediamente vile, ecc.). Soltanto nelle manifestazioni estreme il suo segno caratteristico positivo (negativo) esclude il corrispondente doppio negativo (positivo). Ad esempio, in un uomo dall’intelligenza estremamente sviluppate manca – o non è quasi affatto sviluppata – la stupidaggine, e in un mascalzone super-sviluppato manca, o ha uno sviluppo minimo, la nobiltà d’animo. Se si guarda il tipo umano, si può distinguere la civiltà e l’anti-civiltà. Quest’ultima è altrettanto passibile di sviluppo e di progresso quanto la prima. Un’anti-civiltà altamente sviluppata distrugge la civiltà (e viceversa); ma per il momento esse vivono in buon accordo, tanto che è difficile distinguerle. Esse crescono intrecciate, ma quella che domina è l’anti-civiltà. La civiltà è soltanto un compagno di viaggio, più o meno rilevante.”

(Aleksandr Zinov’ev, “Cime abissali”, ed. Adelphi)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

5 pensieri su ““Della stupidaggine, della viltà, e di altre qualità dell’individuo”

  1. Non fa una piega!

    • Grande libro, molto, molto particolare, ma ricco di spunti di riflessione.

      • All’inizio sembrava un tentativo di analizzare la natura umana hobbesiano ed un po’utopico. L’amara conclusione lo ridimensiona e mi trova del tutto d’accordo.

      • Ho volutamente pubblicato tutto il paragrafo, perché pubblicandone solo una parte si sarebbe perso “qualcosa”. Peraltro devo dire che nel libro c’è molta satira e non è semplice stare “dietro” alle riflessioni, capire quanto e quando sono, appunto, satira o meno. 🙂

  2. Pingback: “Cime abissali” (Aleksandr Zinov’ev) | Tra sottosuolo e sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: