Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Gogol’ in panetteria

Fosse vivo Gogol’, gli offrirei una birra e gli chiederei di scrivere un racconto intitolato Panetteria, nel quale si raccontano le stramberie della clientela dell’omonimo negozio.

Tra i tanti, sceglierei come protagonista un uomo che chiede 9 pizzette rosse, ma dopo un po’, con sguardo pentito, quasi avesse commesso un delitto, si corregge, chiedendone 10, “per arrotondare”.

Gogol’ dovrebbe indagare perché l’uomo aveva detto 9, perché ha sentito il bisogno di “arrotondare”, perché considera 10 “rotondo” e, più in generale, perché nel corso della sua vita ha scelto determinate cose e persone invece di altre.

Il racconto, ovviamente, sarebbe ambientato in una clinica psichiatrica.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: