Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

“Il sogno” (August Strindberg)

Il sogno

“In questo ‘sogno’, richiamandosi a un suo sogno precedente, Verso Damasco, l’Autore ha cercato di imitare la forma sconnessa ma apparentemente logica del sogno. Tutto può avvenire, tutto è possibile e probabile. Tempo e spazio non esistono; su una base minima di realtà, l’immaginazione disegna motivi nuovi: un misto di ricordi, esperienze, invenzioni, assurdità e improvvisazioni.

I personaggi si scindono, si raddoppiano, si sdoppiano, svaniscono, prendono coscienza, si sciolgono e si ricompongono. Una coscienza, tuttavia, sovrasta tutto, quella del sognatore: per essa non ci sono segreti, incongruenze, scrupoli, leggi. Egli non condanna, non assolve; riferisce: e poiché il sogno, il più delle volte, è doloroso e solo di rado lieto, una nota di malinconia e pietà verso quanto è vivente attraversa il vacillante racconto. Il sonno, questo liberatore, diventa spesso doloroso, ma quando il tormento arriva all’estremo, ecco il risveglio a conciliare il sofferente con la realtà. E la realtà, per penosa che sia, in quel momento costituisce pur sempre un sollievo, rispetto al sogno tormentoso.

Che anche la vita sia un sogno, ci sembrava una volta un sogno poetico di Calderón. Ma quando Shakespeare fa dire a Prospero, nella Tempesta, che “siamo tutti della stoffa di cui sono fatti i sogni”, quando il Savio inglese enuncia, per bocca di Macbeth, che la vita “è una favola, raccontata da un folle”, è il momento per cominciare a riflettere sulla questione.

Chi accompagnerà l’Autore, nel corso di questi brevi ore, lungo il suo cammino di sonnambulo, troverà forse una somiglianza tra il caos apparente del sogno e il tappeto multicolore della vita indomabile, eseguito dalla “tessitrice del mondo”, che dispone prima l’ordito dei destini umani e fa poi la trama con i nostri interventi in contrasto e le nostre passioni incostanti.

Chi rileverà questa somiglianza, avrà il diritto di dire a sé stesso: forse è così.

Per quanto riguarda la forma libera, sconnessa, del dramma, anche qui si tratta solo di apparenza. A ben guardare, infatti, la composizione risulta abbastanza solida – una sinfonia polifonica che qua e là si fonde con il motivo principale di continuo riaffiorante, ripetuto, variato in tutti i toni da più di trenta voci. Nessun “a solo” con accompagnamento, nessun “ruolo”, niente caratteri né caricature, niente intrighi, nessun finale d’atto con dispositivo per l’applauso. La direzione delle voci è tracciata con rigore, nella scena finale del sacrificio trascorre tutto il passato, i motivi sono ancora una volta compendiati come deve fare la vita, in ogni particolare, nell’ora della morte…Ancora una somiglianza! Ma guardiamo, ora, ascoltiamo: con un po’ di buona volontà, la partita è vinta a mezzo, e non cerchiamo di più”.

(August Strindberg, “Il sogno”, ed. Adelphi)

Ho preferito riportare l’intera “Nota dell’Autore”, posta in apertura, perché mi sembra la miglior presentazione possibile di questo dramma teatrale, o almeno è una descrizione preferibile alla mia. “Il sogno” può respingere dopo cinque pagine, se non si entra, appunto, nell’ottica di un sogno, che non ha regole spaziali e temporali. Strindberg trascrive un sogno, con tutti i deliri che un sogno può comportare. Saltano i nessi logici, il lettore è sballottato da uno scenario all’altro in un centinaio di rutilanti pagine; si tratta di una sorta di teatro psichico, con i personaggi che si susseguono senza sosta e discorrono della condizione degli uomini in un’atmosfera rarefatta, quella propria di un sogno, confuso ma affascinante. Ribadisco l’impressione: può respingere dopo poche pagine, ma se ci si lascia trascinare dalla scrittura e dall’immaginazione, se si è portati, per natura, a ricordare i proprio sogni, e se questi ultimi, come è il mio caso, pur prendendo spunto dalla realtà, sono molto immaginifici, allora “Il sogno” può conquistare.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su ““Il sogno” (August Strindberg)

  1. mi sembra una lettura impegnativa..sbaglio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: