Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Una barba indifferente

Con la mia barba ho un rapporto affine a quello che ho sempre avuto con il concetto di “Dio”. Un’indifferenza, o presunta tale, che affonda le radici nell’adolescenza. Talvolta, però, ne sento il bisogno, e allora lascio che la crescita abbia luogo, quasi che possa esserci davvero qualcosa che mi accompagni, mi mascheri e sorregga il vuoto sotto i miei occhi. Basta poco ad accorgermi, però, che si tratta di una sensazione autoindotta, che quella crescita non avviene in modo da accrescere anche il resto di me, bensì in maniera frammentaria, discontinua, evidenziando vuoti che prima, nel vuoto totale, non coglievo. Allora, guardandomi allo specchio, non scorgo il volto di un uomo più sicuro, più misterioso, più “maschio”, ma solo quello di un prete alcolizzato e barbone, appena uscito da una seduta psichiatrica.
Quando ciò accade, capisco che bisogna tagliare in modo netto, senza pensarci troppo. In fondo, la barba non soffre, e se anche soffrisse, non potrei farci niente.
(P.s.: articolo che ha l’evidente scopo di temporeggiare in attesa di avere qualche altro libro da pseudo-recensire; ho disatteso la consegna del silenzio, auspicabile quando non si ha nulla di meglio da dire, e forse anche quando si ha qualcosa da dire.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

8 pensieri su “Una barba indifferente

  1. Una riflessione curiosa e interessante. Una sorta di “filosofia della barba”! 🙂

  2. Peccato, io trovo le barbe molto rivelatrici.

    • La mia rivela ben poco, perché non cresce molto e, per quel che poco che cresce, lo fa male, lasciando vuoti.

      • Fossi in te proverei a continuare a lasciarla crescere, i vuoti magari hanno bisogno di tempo per riempirsi. E preferire la landa del vuoto totale in cui i singoli vuoti si perdono è…è…non lo so, il termine non mi viene…

      • Fidati, parlando di barba (quindi escludendo i significati simbolici/metaforici), c’è una zona a metà guancia che resta, rispetto alle altre, sempre scarna.

  3. Ciao, Antonio :)) un abbraccio!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: