Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

La figurina mancante

Pagano_Rocco_Pescara_1987-88completare v. tr. [dal fr. compléter, der. di complet «completo»] (io complèto, ecc.). – Rendere completo, integrare con l’aggiunta di quanto manca perché una cosa sia completa: c. una raccolta, una collezione, una serie; portare a termine: c. un’opera, una ricerca; fam., c. l’opera, con lo stesso senso, iron., di compir l’opera (v. compire).

Anno 1987.
Per completare l’album di figurine dei calciatori, mi manca solo quella di Rocco Pagano*, allora al Pescara. Per mesi è una chimera. Un giorno scopro che un mio compagno di classe ne è in possesso. Lo scambio avviene nei pressi della chiesa. Lui mi dà Rocco Pagano ed io, in cambio, gli sgancio circa trecento doppioni che avevo accumulato.
Rocco Pagano, da solo, contava poco, ma in quel momento era ciò che dava senso al tutto. Al tempo stesso, l’album, senza la sua presenza, era monco.
Quando Rocco passò nelle mie mani, provai qualcosa che poteva definirsi felicità.
Più tardi avrei appreso che non funziona sempre come con le figurine, che non è detto arrivi qualcuno a proporti un Rocco Pagano in cambio di qualcosa.
Soprattutto, però, ho capito che il gioco è affascinante solo perché e finché l’album è incompleto.

desidèrio (ant. disidèrio e desidèro) s. m. [dal lat. desiderium, der. di desiderare «desiderare»]. –

1. Sentimento intenso che spinge a cercare il possesso, il conseguimento o l’attuazione di quanto possa appagare un proprio bisogno fisico o spirituale: sentire, provare il d. di una cosa; formulare, esprimere un d.; essere tormentato dal d.; appagare, accontentare, soddisfare i proprî d.; manifestare un d., o il d. di …; avere d. di mangiare, di bere; Il desiderio di poter contare Sul pane, almeno, e un po’ di povera lietezza (Pasolini); d. di gloria, di fama, di onori, di ricchezza; sentire il d. di andare, di fare, di vedere, ecc.; d. vivo, ardente, costante, sfrenato; d. basso, turpe, volgare; d. sessuale, carnale (anche assol. desiderio, in determinati contesti: fare peccati di d.; eccitare d. malsani; essere oggetto di desiderio); vi auguro che tutto proceda secondo i vostri desiderî. In senso più concr., la cosa che si desidera: esporre, rendere noti i proprî desiderî. Pio d., speranza vana, detto spesso con ironia per indicare cosa irraggiungibile o molto difficile ad ottenersi: la villeggiatura quest’anno rimarrà per noi un pio d. (l’espressione deriva prob. dal titolo di un’operetta ascetica del gesuita belga Hermann Hugo, Pia desideria, edita nel 1624).

2. Sentimento della mancanza di cosa necessaria al nostro interesse fisico o spirituale: avere d. di tranquillità, di riposo, di amore, di un affetto sincero. Quindi anche rincrescimento, rimpianto per l’assenza o la morte di una persona: ha lasciato vivo d. di sé.

**la foto dovrebbe rappresentare Rocco nell’anno 1987-88 (non ho ancora trovato la foto dell’86-87)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “La figurina mancante

  1. Interessantissima riflessione la tua. E decisamente vera. Anch’io avevo le mie raccolte di figurine, racchiuse in album che conservavo e sfogliavo accuratamente e non era mai la stessa cosa inseguire quell’ultima e poi possederla. Il gusto di quel desiderio, più che della figurina in sé dell’inseguirla, bramarla, come tu descrivi bene. Mi domando: funziona anche solo vagamente così anche nella vita?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: