Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

Nietzsche sul sogno e sugli istinti

“Ci siamo, quindi?”. Con queste parole, stamattina, si chiudeva un mio sogno meraviglioso per complessità, assurdità, personaggi e situazioni. Non sto qui a raccontarlo perché non saprei renderlo. Finiva dinanzi a una porta, all’interno di una scuola o qualcosa del genere. Nell’accingermi ad aprirla ero consapevole che, aprendola, il sogno sarebbe finito e mi rivolgevo a un mio compagno onirico con la domanda di cui prima. A un suo cenno affermativo, la porta veniva aperta e io mi trovavo nel mio letto, fuori dal sogno.

Con l’occasione sono andato a rileggermi un aforisma di Nietzsche, contenuto in “Aurora”, che mi aveva colpito quando lessi quell’opera. Accanto al testo avevo annotato: “Anticipa Freud”.

È un po’ lungo, ma a mio avviso merita.

 

119. Esperienza vissuta e finzione poetica. Per quanto uno faccia progredire la sua conoscenza di sé, nessuna cosa potrà mai essere più incompleta del quadro di tutti quanti gli istinti che costituiscono la natura umana. Difficilmente potrà dare un nome ai più grossolani di essi: il loro numero e la loro forza, il loro flusso e riflusso, il giuoco alterno dell’uno con l’altro e soprattutto le leggi del loro nutrimento gli resteranno del tutto sconosciuti. Questo nutrimento diventa dunque un’opera del caso; i nostri intimi eventi d’ogni giorno gettano ora a questo, ora a quell’istinto, una preda che viene subito rapidamente afferrata, ma l’intero andirivieni di queste vicende sta al di fuori di ogni nesso razionale con le esigenze nutritive di tutti quanti gli istinti: di modo che subentrerà sempre un duplice fenomeno, l’essere affamati e il languire degli uni, il rimpinzarsi, invece, degli altri. Ogni momento della nostra vita ci fa crescere alcuni tentacoli del nostro essere ed altri invece gli atrofizza, secondo appunto il nutrimento che quel determinato momento porta o no in se stesso. Le nostre esperienze, come si è detto, sono tutte, in questo senso, mezzi d’alimentazione, ma sparsi con mano cieca, senza sapere chi è che ha fame e chi è già sazio. E in conseguenza di questo casuale nutrimento delle parti, anche il polipo interamente sviluppatosi sarà qualcosa di altrettanto casuale, come lo è il suo divenire. Per parlare più chiaramente: posto che un istinto si trovi al punto in cui brama appagarsi – o esercitare la sua forza, o sgravarsi di essa, o colmare un vuoto (questo è tutto un discorso metaforico) – esso considererà ogni avvenimento della giornata in vista del modo con cui potrà servirsene ai suoi fini; sia che l’uomo cammini o riposi, sia che vada in collera, o legga, o parli, o combatta o tripudi, l’istinto, nella sua sete, palpa, per così dire, ogni condizione in cui l’uomo si venga a trovare, e nella media dei casi non trova in questa nulla per sé, deve aspettare e aver sete ancora. Ancora un po’ e illanguidisce, ancora un paio di giorni o di mesi di inappagamento, ed esso allora inaridisce come una pianta senza pioggia. Forse questa crudeltà del caso salterebbe agli occhi in maniera più lampante, se tutti gli istinti volessero andare sino in fondo come va la fame, la quale non si appaga di vivande sognate; ma la maggior parte degli istinti, specialmente i cosiddetti istinti morali, si appagano proprio di questo, se è lecita la mia supposizione, che il significato e il valore dei nostri sogni è proprio quello di compensare – fino a un certo grado – quella casuale mancanza di “nutrimento” durante il giorno. Perché il sogno di ieri fu pieno di dolcezza e lacrime, quello dell’altro ieri scherzoso e tracotante, quello prima ancora fu tutto un’avventura e una continua cupa ricerca? Perché godo, in questo, le inenarrabili bellezze della musica, perché mi libro lassù a volo, in quest’altro, con l’estasi dell’aquila, verso lontani vertici di monti? Queste poetiche immaginazioni, che dànno libero campo e sfogo ai nostri impulsi di dolcezza o di scherzo o di fantasticheria, o al nostro desiderio di musica e montagne – e ognuno avrà sottomano i suoi esempi più calzanti – sono interpretazioni dei nostri stimoli nervosi durante il sonno, interpretazioni assai libere, assai arbitrarie, dei movimenti del sangue e dei visceri, dell’oppressione del braccio e delle coperte, dei suoni dei campanili, delle banderuole, dei nottambuli e di altre cose del genere. Che questo testo il quale, in generale, per una notte come per l’altra, resta molto simile, venga commentato in maniera così diversa; che la ragione poetica si rappresenti, ieri come oggi, cause tanto diverse in ordine alle medesime eccitazioni nervose: tutto ciò trova il suo fondamento nella circostanza che il suggeritore di questa ragione è stato oggi diverso da quello di ieri – un altro istinto voleva appagarsi, esercitarsi, ristorarsi, sfogarsi, – appunto esso era alla sommità del suo flutto, e ieri ce n’era un altro. La vita allo stato di veglia non ha questa libertà d’interpretazione come quella del sogno, è meno poetica e sfrenata – tuttavia non dovrò forse concludere col dire che i nostri istinti nella veglia non fanno egualmente nient’altro che interpretare le eccitazioni nervose e disporre le “cause” di queste sulla base della loro esigenza? che tra veglia e sogno non v’è sostanzialmente alcuna differenza? che anche in un raffronto di stadi di civiltà diversissimi, la libertà nell’interpretazione allo stato di veglia, nell’uno, non è per nulla inferiore alla libertà dell’altro nel sogno? che anche i nostri giudizi e le nostre valutazioni morali sono soltanto immagini e fantasie di un processo fisiologico a noi ignoto, una specie di linguaggio consueto per designare certe eccitazioni nervose? che tutta la nostra cosiddetta coscienza è un più o meno fantastico commento di un testo inconscio, forse inconoscibile, e tuttavia sentito? Si prenda una piccola esperienza vissuta. Posto che un bel giorno si noti qualcuno ridere di noi al mercato dove stiamo passando: a seconda che questo o quell’istinto sia in noi precisamente al culmine, tale fatto avrà questo o quel significato – e, a seconda del tipo di uomini che siamo, sarà un fatto alquanto diverso. Chi lo prenderà come una goccia di pioggia, che si lo scuoterà di dosso come un insetto, chi ne prenderà lo spunto per attaccar lite, chi accerterà se sia il vestito a dar motivo di riso, chi mediterà, a causa di questo episodio, sul ridicolo in sé, e chi avrà un senso di benessere per aver dato, senza volere, un raggio di sole alla serenità e allo splendore del mondo; in ogni caso un istinto vi troverà il suo appagamento, sia esso quello dell’ira o della litigiosità, o della riflessione, o della benevolenza. Questo istinto ha afferrato l’episodio come fosse la sua preda: perché proprio questo? Poiché se ne stava in agguato sitibondo e affamato. L’altro giorno, alle undici di mattina, d’improvviso, davanti a me un uomo piombò a terra come fulminato, e tutte le donne che erano lì nei pressi gettarono altre grida: io stesso lo rialzai in piedi e aspettai finché non fosse in condizione di parlare, – ma per tutto questo tempo non un muscolo del viso, non un sentimento, né di paura né di compassione, si erano mossi in me; io avevo fatto quel che era più immediato e razionale e me ne andai freddamente. Posto che il giorno prima mi avessero annunziato che l’indomani alle undici, qualcuno sarebbe stramazzato accanto a me in qualche modo, avrei sofferto ogni genere di tormenti, la notte non avrei potuto chiudere occhio e nel momento decisivo avrei finito per fare come quell’uomo, invece di prestargli aiuto. In quel frattempo tutti gli istinti possibili avrebbero infatti avuto tempo di rappresentarsi quell’esperienza e di commentarla. Che cosa sono mai le nostre interiori esperienze? Molto più quel che noi vi mettiamo dentro di quanto c’è in esse! Oppure si deve addirittura dire: in sé, dentro, non c’è nulla? Esperimentare intimamente e inventare?

(Friedrich Nietzsche, “Aurora. Pensieri sui pregiudizi morali”, aforisma 119, edizione Adelphi)

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Nietzsche sul sogno e sugli istinti

  1. Nella profondità dell’anima, ogni esperienza ed ogni parola ascoltata, fa vibrare le corde eccitate del nostro più intimo sentire. Ed è per questo, forse, che ognuno rivela un aspetto sempre diverso di una medesima esperienza. Accogliamo ciò per cui siamo pronti e in attesa, mossi, inconsapevolmente (???) dai nostri segreti istinti.
    Buona serata
    Pan

  2. Hai scelto uno degli aforismi cardine di “Aurora”, dove realmente si materializza il concetto di inconscio e subconscio. Freud ha sicuramente attinto da Nietzsche. Questo brano rivela tutta la natura dell’istinto, insondabile e ineludibile.

    • Mentre lo leggevo, la prima volta, ebbi la netta sensazione che si trattasse, appunto, di un’anticipazione dei concetti di inconscio e subconscio, oltre ad apprezzare l’intero aforisma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: