Tra sottosuolo e sole

(Non) si diventa ciò che (non) si è.

La boutique del mistero (Dino Buzzati)

 

“Nessuno diceva niente. Nessuno voleva essere il primo a cedere. Ciascuno forse dubitava di sé, come facevo io, nell’incertezza se tutto quell’allarme fosse reale o semplicemente un’idea pazza, un’allucinazione, uno di quei pensieri assurdi che infatti nascono in treno quando si è un poco stanchi. La signora di fronte trasse un sospiro, simulando di essersi svegliata, e come chi uscendo dal sonno leva gli sguardi meccanicamente, così lei alzò le pupille fissandole, quasi per caso, alla maniglia del segnale d’allarme. E anche noi tutti guardammo l’orologio, con l’identico pensiero. Ma nessuno parlò o ebbe l’audacia di rompere il silenzio o semplicemente osò chiedere agli altri se avessero notato, fuori, qualcosa di allarmante”.

(Dino Buzzati, “La boutique del mistero”, racconto “Qualcosa era successo”)

In un’antologia di Letteratura italiana che conservo accanto a me dai tempi del Liceo, Cesare Segre rileva come fosse azzardato il paragone tra Dino Buzzati e Franz Kafka, da taluni proposto, scrivendo che “il paragone tra i due autori è diventato quasi di maniera, ma certo non tiene conto del dislivello esistente tra il grandissimo Kafka e l’onesto ma più superficiale Buzzati, che si potrà al più ritenere un attento e partecipe divulgatore delle tematiche diffuse dell’angoscia e dell’alienazione”. Di Buzzati avevo già letto, in passato, “Il deserto dei tartari”, “Il crollo della Baliverna” e “Un amore”, e francamente, pur apprezzando quei testi, il paragone con Kafka non aveva nemmeno sfiorato la mia testa. Certo, qua e là sono rinvenibili atmosfere “kafkiane”, specie nei racconti e nei romanzi più surreali, ma concordo con Segre nel dire che Kafka “agisce” a un livello diverso, almeno su di me. Lo stesso Buzzati, del resto, scrisse: “Da quando ho cominciato a scrivere, Kafka è stato la mia croce. Non c’è stato mio racconto, commedia dove qualcuno non ravvisasse somiglianze, derivazioni, imitazioni o addirittura sfrontati plagi a spese dello scrittore boemo. Alcuni critici denunciavano colpevoli analogie anche quando spedivo un telegramma….”. Messa così, sembra che questo sia un articolo di critica a Buzzati. Così non è, a me Buzzati è piaciuto, non sarei qui a scrivere di lui, essendomi promesso (finché resisto) di utilizzare questo spazio virtuale per parlare “di qualcuno” (spesso di me) e non “contro qualcuno”.

A parte gli impropri paragoni con Kafka, suggerisco a chi volesse approfondire la conoscenza di Buzzati la lettura di “La boutique del mistero”, una raccolta di racconti. Tranne un paio, gli altri sono tutti molto brevi, eterogenei ma accomunati da un comune intento di esprimere l’assurdo, l’incomunicabilità, il mistero e il grottesco dell’esistenza. I personaggi protagonisti dei racconti di Buzzati inseguono qualcosa d’inafferrabile o scappano da qualcosa d’impalpabile, muovendosi in mondi spesso surreali, tra topi enormi, ectoplasmi che si palesano all’improvviso, strambi ospedali con i malati suddivisi in sette inquietanti piani o piuttosto cani mistici. L’elemento fantastico, molto caratteristico nella scrittura di Buzzati, non scade quasi mai a mero esercizio stilistico, e l’autore riesce ad affrontare paure e desideri senza lunghe filippiche retoriche e strappando anche sorrisi, il che non guasta, talvolta.

Devo dire che alcuni racconti mi sono parsi più deboli, qualcuno anche forzato a dire il vero, ma nel complesso si è trattato di una lettura gradevole, che mi sento di consigliare, ribadendo che è bene lasciare a Buzzati ciò che è di Buzzati (e non è poco, ripeto) e a Kafka ciò che è di Kafka.

Pubblicità

Navigazione ad articolo singolo

7 pensieri su “La boutique del mistero (Dino Buzzati)

  1. Ho appena scritto un post sull’arte astratta, rivelatrice dell’inconscio; ecco, leggendo il tuo commento su Buzzati ho immaginato un quadro astratto, e lui uno scrittore che, analogamente ad un astrattista, non cerca il confronto diretto con il peso della realtà ma vuole scandagliare territori sconosciuti della coscienza umana. Ma forse sono troppo condizionata dagli ultimi pensieri che ho avuto leggendo l’articolo di Claudio Strinati su Kandinsky.
    Ho amato “Il deserto dei tartari”.

    • Antonio in ha detto:

      Tra l’altro ho omesso di dire che Buzzati amava molto disegnare e che lessi anche un suo poema a fumetti.
      La fantasia nel suo caso è al servizio di quello “scandagliare” la coscienza di cui scrivi.

  2. marco101984 in ha detto:

    Anch’io ho letto Il deserto dei Tartari, mi è piaciuto molto! Mi sa che eguirò il tuo consiglio : )

  3. Il paragone con Kafka lo tormentò per tutta la sua vita.
    A me lui sembra un grande uomo e un grande scrittore.
    Lo consiglierei a tutti.
    Mi manca “Il deserto dei tartari”.
    E’ davvero così bello?
    Luna

    • Quando lo lessi mi piacque, anche se forse mi ci ero avvicinato con eccessive aspettative. Nella dimensione del racconto breve, lui si esprime al meglio. Ti consiglio anche “Il crollo della Baliverna e altri racconti”, che però (non ricordo bene) potrebbe contenere racconti già presenti in “La boutique del mistero”. Dovrei controllare meglio.
      Io, poi, ho letto e apprezzato anche “Un amore”.

  4. Pingback: “Le notti difficili” (Dino Buzzati) | Tra sottosuolo e sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: